Protezione Civile

Un nome legato ad eventi particolarmente disastrosi, capaci, con la loro forza distruttiva, di sconvolgere la vita dell’uomo. 

Per contrastare, controllare e, dove possibile, prevenire simili avversità, è stata istituita la Protezione Civile Italiana, contraddistinta, a differenza che nella maggior parte dei Paesi europei dove è una sola istituzione a gestirla, dal fatto che coinvolge tutta l'organizzazione dello Stato, dai Ministeri, al più piccolo Comune, nel quale è il Sindaco il responsabile diretto, ma sono i cittadini, inseriti nelle associazioni di volontariato, ad esserne l'anima. 

Com’è noto, dal mese di novembre del 2006 questa importante organizzazione è presente anche nel nostro Comune.Il dinamico entusiasmo di Sergio Ceresa, la ponderata meticolosità di Fabio Tamburini, associati all’affidabile serietà di Fabio Castelnuovo, tutti già inseriti nella Protezione Civile di Odolo, sono state le basi sulle quali è nato il gruppo locale, attualmente composto da sedici elementi; gruppo che, pur sperando di non dover mai intervenire in condizioni di gravi calamità, nelle quali sarebbe comunque di supporto alla struttura nazionale, non vuole farsi trovare impreparato. Affinché ciò avvenga, i suoi componenti parteciperanno a prossimi, specifici corsi formativi, organizzati dalla Provincia.
Un obiettivo, particolarmente sentito all’interno del gruppo e che vuol dare veramente un senso al suo essere, è quello del volontariato civile, espresso come disinteressato aiuto e collaborazione verso chi ne ha bisogno. 
Da qui la cooperazione con il Comune, tesa alla dimostrazione pratica di un sentito senso civico, concretizzatasi con la pulizia dei tombini, la stesura di un piano neve e la verifica di funzionalità degli idranti antincendio. 
È inoltre in fase di studio un sistema che, agevolando il cittadino, contribuisca ad aumentare la raccolta differenziata dei rifiuti. Questo al fine di ottenere, unitamente alla salvaguardia ecologica, anche un risparmio economico per il contribuente.
Si è collaborato pure con la Parrocchia sgomberando dagli alberi e dai manufatti la nuova area di sua proprietà. 
Il gruppo si è reso inoltre disponibile per l’allestimento dei fuochi durante la notte Santa ed ha attivamente partecipato alla bella festa svoltasi in occasione dei mercatini natalizi. 
Per consentire ai bambini di accedere al fiume Chiese, in occasione di una verifica della qualità dell’acqua svolta a scopo didattico con la supervisione di un biologo, si è intervenuti ripulendo il tratto di riva interessata e rimovendo anche un grosso tronco, potenzialmente pericoloso.
La menzione di parte degli interventi effettuati non intende assolutamente essere autocelebrativa; l’intento è quello di rendere noto a tutta la comunità le varie forme di impegno che il gruppo può assumere, ribadendo che la Protezione Civile di Barghe è una realtà sulla quale il paese, per le più svariate esigenze, può contare.
Cogliamo l’occasione per ribadire il nostro grazie a tutti coloro che, accordandoci fiducia, hanno reso possibile la nostra dotazione di indumenti ed attrezzature, dei quali, li assicuriamo, faremo buon uso.